Dizionario Scultori

Atlante Regionale

 
 

 

 

 

     

Giacomo Serpotta

Giacomo Serpotta (Palermo 1652-1732).
Galleria Fotografica

Formatosi quasi sicuramente a Roma, figura a Palermo nel 1682 per l'esecuzione della statua equestre di Carlo II (ne rimane un piccolo stampo al Mus. di Trapani).

Iniziò quindi, con l'Oratorio di San Lorenzo a Palermo (nella foto L'Umiltà del 1696), la sua lunga attività di decoratore in stucco di interni di chiese:

da quella di Sant'Orsola (1696) a quella delle Stimmate (1700, ora alla Gall. Regionale della Sicilia di Palermo), oltre agli oratori di Santa Zita (1686-88 e 1711-18, con D. Castelli), del Rosario in San Domenico (1714-17) e di Santa Caterina all'Olivella (1722-26).

Con Serpotta la pratica dello stucco assunse un altissimo livello d'arte dovuto alla prodigiosa maestria con cui lo scultore padroneggiò le difficoltà tecniche dell'umile materia, che esige un trattamento rapido, quasi d'improvvisazione e che per lui si identificò con la straordinaria freschezza e sensibilità di modellato.

Del periodo più tardo sono le chiese di San Francesco d'Assisi (1723) e Sant'Agostino (1726-28, con allievi).

La personalità di Serpotta sovrasta di gran lunga quella degli artisti siciliani a lui contemporanei. I suoi rilievi, che si dilatano sulle pareti come ramificazioni, riflettono in parte i motivi della scultura barocca romana, ma li interpretano e rivivono con una personalissima impronta di leggerezza e delicatezza; le forme sono allungate e sinuose, mosse da una grazia che prelude già chiaramente al gusto rococò.

 


Home | Scultori Italiani | Scultori Mondiali | Le Vostre Sculture | Gallerie fotografiche | Approfondimenti |
| Mostre ed Eventi | Links | Download | Forum |  Contatti |

 

 

   

 

Home
Scultori Italiani
Scultori Mondiali
Le Vostre Sculture
Gallerie Fotografiche
Approfondimenti
Mostre ed Eventi
Links
Download
Forum
Contatti